DECAPOLIS


Cose dell’altro mondo. E magari anche di questo.

1437883980_11745611_10153885727972841_250846464597886078_n

Lettera di fine triennio

di Stefano Riccardo Camber, Debora Peric, Lisa Buonanno e don Mattia Galej

 

I consiglieri diocesani per l’Acr, alla conclusione del loro periodo di responsabilità, hanno scritto questa Lettera di fine triennio a tutti gli educatori in servizio in diocesi, con cui hanno condiviso tre anni di cammino. A tutti (non solo agli educatori!) buona lettura!

acr-manifesto-2016_web

Formazione educatori ACR

Tutti gli educatori ACR di Trieste e i futuri educatori che partecipano alla Scuola educatori sono invitati a partecipare alla giornata di formazione del 2 aprile 2017, intitolata “perDono”: il ritrovo è presso la Parrocchia di Muggia Vecchia alle ore 9.00; il termine è previsto alle 18.00. Le iscrizioni sono da inviare entro il 27 marzo. Il pranzo sarà al sacco, ma si può portare anche qualcosa da condividere con tutti.

Consiglio2017-2020

Di voto in voto

di Luca Tedeschi

 

L’assemblea diocesana elettiva si è appena celebrata e il nuovo consiglio eletto si è già riunito martedì 14 marzo. Serata tecnica, serata alla ricerca di chi può servire l’associazione più di tutti e più di tutti rappresentarla. Non è un esercizio banale, alle volte può risultare pesante ed anacronistico, ma l’ho sempre trovato estremamente educativo per i più giovani per comprendere il fondamento di questa associazione, che risiede nella democraticità con tutte le sue fatiche e lentezze e, per i più navigati, per non perdere il senso di una chiamata che non risiede nel primeggiare ma nel farsi servi con umiltà, per tutti.Leggi tutto

Ede

Ricordi di una bambina di Villa Gardossi

di Ede Dubaz

 

Vorrei ringraziarvi per l’invito e dirvi che sono molto emozionata di essere qui tra di voi.

Ho preparato una paginetta che vi leggerò per potervi raccontare i miei ricordi, quelli di una bambina che ha conosciuto don Francesco e che molto tempo fa ha fatto parte dell’Azione cattolica come voi, e posso dirvi che è stata un’esperienza di vita e di fede felicissima.

Era quasi ottant’anni fa e vivevo a Villa Gardossi (l’attuale Crassiza).Leggi tutto

assemblea2017

Celebrata l’Assemblea

di Andrea Dessardo

 

 

Ogni tre anni l’Azione cattolica, unica tra le aggregazioni laicali, si riunisce in assemblea per rinnovare democraticamente le cariche sociali, verificare quanto realizzato e individuare gli obiettivi per gli anni a venire. È un processo che investe tutti i livelli dell’associazione: nei mesi scorsi le diverse associazioni parrocchiali hanno votato i loro responsabili e i delegati all’assemblea diocesana, che si è svolta domenica 12 marzo presso il Seminario di via Besenghi, alla presenza del vescovo mons. Giampaolo Crepaldi, per eleggere il nuovo consiglio diocesano. Il 26 marzo verrà rinnovata la delegazione regionale del Triveneto, mentre alla fine di aprile, insieme al papa, si celebrerà a Roma l’assemblea nazionale, nel centocinquantenario della fondazione della Società della gioventù cattolica italiana, primo nucleo dell’Azione cattolica, diffusa su tutto il territorio nazionale.Leggi tutto

hernandez

Sciogliere i nodi

di Francesco Crosilla

 

 

Domenica prossima, 19 marzo, alle ore 20.30 verrà a parlare p. Jean Paul Hernandez nella parrocchia dei Santi Pietro e Paolo.
Chi è Jean Paul Hernandez?

Leggi tutto

40adesioni2017-tagliato_0

Il cammino dell’Assemblea sulle orme di papa Francesco

di Luigi Russo

 

 

Credo di non poter tenere separata la mia esperienza di presidente diocesano nel triennio 1989-92, e protrattasi per un breve periodo in quello successivo, dai sei anni di vicepresidente del Settore Adulti che l’hanno preceduta. Questo perché la mia adesione all’Azione cattolica inizia con la mia nomina a vicepresidente del Settore Adulti (con allegato, insieme a mia moglie Renata, di titolare dell’Ufficio Famiglia di Ac, come richiesto dal vescovo). Mi sono così gradualmente inserito nell’Associazione di cui non conoscevo molto, provenendo da un cammino di congregato mariano con i gesuiti e da un’esperienza di pastorale familiare che ha avuto il suo momento forte nella partecipazione a Roma nel 1979 al Convegno nazionale su Evangelizzazione e promozione umana della famiglia.Leggi tutto

Cantagalli

Leggere don Bonifacio

di Andrea Dessardo

 

 

È commovente e ammirevole la passione con cui Mario Ravalico si è dedicato e continua a dedicarsi instancabilmente per far conoscere la figura del beato don Francesco Bonifacio e per diffonderne il culto. Un impegno che non ha i tratti solo dello slancio missionario e dell’azione pastorale, ma anche di quelli dello storico, del giornalista e, addirittura, del detective: il “caso Bonifacio”, a lungo congelato, se non archiviato, è stato riaperto dall’entusiasmo e dal fiuto di Mario, che ha raccolto negli ultimi anni nuove inedite testimonianze e prove documentali delle ultime ore del martire e dell’identità dei suoi carnefici andando a frugare le sagrestie e gli archivi dell’Istria, e soprattutto andando a incontrare le comunità che avevano avuto il privilegio di essere guidate da quel giovane santo sacerdote.Leggi tutto

img-20160911-wa0013

Un amico a Grisignana

di Erik Moratto e Paola Godini

 

Il beato don Francesco Bonifacio ha consentito il riavvicinamento fra due comunità, quella di Trieste e quella dell’Istria, di Grisignana e Crassiza, italiani e croati, esuli e rimasti. Un piccolo miracolo, a suo modo, che l’Azione cattolica s’impegna a coltivare, gettando, una volta di più, dei ponti al di là dei fossati scavati dalla storia.

I frutti di questi incontri andranno sempre più scoperti e assaporati. Un primo assaggio è questa intervista a Marko, un giovane di Grisignana, studente di Fisica attivo nella Gioventù francescana, che i recenti pellegrinaggi ci hanno fatto conoscere.Leggi tutto

Erasmus

Trent’anni e non li dimostra

di Davide Martini

 

 

Di solito si dice: trent’anni e non li dimostra. Ma è proprio così? Vi starete chiedendo di che cosa stiamo parlando; sgombriamo, intanto, il campo da equivoci. Non stiamo parlando di persone, ma di un progetto. Forse l’unico progetto di successo, in questi tempi di antipolitica nazionale ma soprattutto europea: il progetto Erasmus. Dal lontano 1987 il progetto Erasmus – acronimo di European Region Action Scheme for the Mobility of University Students – dà la possibilità a uno studente universitario europeo di effettuare in una università straniera un periodo di studio legalmente riconosciuto dalla propria università.Leggi tutto