Con altri occhi


La Chiesa e l’Azione Cattolica viste da altrove. Per capire, per capirsi.

La Chiesa e l’Azione Cattolica viste da altrove. Per capire, per capirsi.

Dalla Siria a Trieste sulle ali del Vangelo

di Erik Moratto

 

Da quattro mesi nella parrocchia dei Santi Pietro e Paolo in Via Cologna si respira una brezza di un vento leggero che viene dalla Siria, i ragazzi imparano le prime parole in siriano e ascoltano racconti di popoli lontani, da un giovane prete che accoglie sempre tutti con un grande sorriso.Leggi tutto

Rupnik

Amicizia negli US. The mystery of an encounter

di Francesca Zaccaron

 

È possibile l’amicizia negli US? Ma prima ancora: che cos’è l’amicizia? Semplici domande che mi stanno accompagnando in questi mesi americani. Come riuscire “a farsi degli amici” in breve tempo in un altro paese? Afferma Pavel Florenskij: «L’amicizia è condizione indispensabile della vita». Allora all’inizio si colgono tutte le possibilità per incontrare persone nuove: feste, gite fuori porta, sport, gruppi di formazione. Lo sforzo è immenso: il lavoro ingloba la maggior parte delle energie, le deadlines incalzano, la neve e il ghiaccio rendono tutto più impervio e… sdrucciolevole, l’inverno sembra “congelare” anche le relazioni. E all’entusiasmo iniziale subentra la routine e poi la resa di fronte all’evidenza: manca qualcosa, che all’inizio ancora non ha nome.Leggi tutto

Faneuil_Hall_Christmas_Tree

Un Christmas Overseas. Due volti del nuovo mondo

di Francesca Zaccaron

 

Immediatamente dopo Thanksgiving, Boston ha cambiato volto e di settimana in settimana si è immersa nell’atmosfera pre-natalizia. Luci, vetrine, musiche alla radio e in tutti i negozi a ricordarci che il Signore, ah no, pardon “Santa” is coming. Ma anche iniziative benefiche, momenti di preghiera comunitaria e momenti conviviali. Da un lato l’espressione del consumismo, della frenesia, della ricerca spasmodica della gioia tra glitters e canzoni d’atmosfera; dall’altro la cura per ogni liturgia, per ogni incontro, per ogni cena insieme. Persino negli spettacoli di Natale vi è una commistione tra la nascita di Gesù e la presenza di (appunto) Santa Claus. Ma nel primo pomeriggio del 24 dicembre buona parte dei negozi chiude, e un dirigente di un supermercato intervistato alla radio afferma: «Facciamo in modo che alla Vigilia di Natale tutti i nostri dipendenti possano rientrare dalle loro famiglie. Mettersi in viaggio o semplicemente cucinare. E poi trascorrere del tempo insieme, intorno alla tavola imbandita». Leggi tutto