Beato Francesco Bonifacio


Per la santità, alle volte, basta poco. Alle volte quel poco è tutta la vita. Notizie e iniziative per imparare da un martire del Novecento.

Ede

Ricordi di una bambina di Villa Gardossi

di Ede Dubaz

 

Vorrei ringraziarvi per l’invito e dirvi che sono molto emozionata di essere qui tra di voi.

Ho preparato una paginetta che vi leggerò per potervi raccontare i miei ricordi, quelli di una bambina che ha conosciuto don Francesco e che molto tempo fa ha fatto parte dell’Azione cattolica come voi, e posso dirvi che è stata un’esperienza di vita e di fede felicissima.

Era quasi ottant’anni fa e vivevo a Villa Gardossi (l’attuale Crassiza).Leggi tutto

img-20160911-wa0013

Un amico a Grisignana

di Erik Moratto e Paola Godini

 

Il beato don Francesco Bonifacio ha consentito il riavvicinamento fra due comunità, quella di Trieste e quella dell’Istria, di Grisignana e Crassiza, italiani e croati, esuli e rimasti. Un piccolo miracolo, a suo modo, che l’Azione cattolica s’impegna a coltivare, gettando, una volta di più, dei ponti al di là dei fossati scavati dalla storia.

I frutti di questi incontri andranno sempre più scoperti e assaporati. Un primo assaggio è questa intervista a Marko, un giovane di Grisignana, studente di Fisica attivo nella Gioventù francescana, che i recenti pellegrinaggi ci hanno fatto conoscere.Leggi tutto

P1200601

Giorno del Ricordo a Crassiza

di Mario Ravalico

 

10 febbraio, Giorno del Ricordo. Non solo della tragedia delle foibe e dell’esodo nel secondo dopo guerra ma anche della più complessa vicenda del confine orientale. Così recita l’art. 1 della legge che istituisce la Giornata del Ricordo. Ed è per questo che quest’anno, per la prima volta, l’Associazione delle Comunità Istriane ha proposto e inserito nel programma delle diverse iniziative concordate con il Comune di Trieste che caratterizzano questa giornata, anche il ricordo e l’omaggio al monumento che ricorda il beato don Francesco Bonifacio, martire della Chiesa tergestina. Monumento che è stato voluto e realizzato dall’Azione Cattolica di Trieste, e condiviso dai fedeli del territorio, sul sentiero che da Grisignana va verso Crassiza, proprio là dove il sacerdote venne arrestato e poi fatto sparire, non si sa dove.Leggi tutto

img-20160911-wa0013

Don Bonifacio, un martire che scalda ancora i cuori

di Erik Moratto

 

Sabato 10 settembre si è svolta una giornata intensa nei dintorni di Crassiza per ricordare, italiani e croati insieme, il Beato don Francesco Bonifacio.

La giornata, a cui ha partecipato un folto gruppo di adulti e giovani dell’Ac di Trieste, è iniziata con la messa solenne bilingue celebrata dal vescovo di Parenzo e Pola mons. Dražen Kutleša e da numerosi sacerdoti dalle parrocchie istriane. Concelebranti da Trieste don Antonio Bortuzzo , assistente diocesano Ac, e don Giusepppe Imad Haddad, accompagnatore per la parrocchia dei Santi Pietro e Paolo. Presente anche la televisione croata, segno dell’importanza data oltreconfine all’evento.Leggi tutto

Monumento Bonifacio

Il monumento sul luogo del martirio

di Mario Ravalico

 

 

Nel pensare ad un monumento commemorativo nel luogo in cui è stato arrestato il sacerdote don Francesco Bonifacio, l’ideatore del progetto, l’arch. Marco Aliotta, ha fatto memoria degli incontri avuti in più occasioni con testimoni che gli hanno parlato in modo appassionato della vita e della spiritualità di questo giovane prete istriano.

Di forte ispirazione è stata per l’architetto anche la visita ai luoghi della vita di don Francesco ed in particolare la vista dall’alto di quella stradina da lui percorsa fino al luogo dove è stato catturato ed in cui l’Azione cattolica di Trieste ha pensato di porre il monumento che verrà benedetto il prossimo 10 settembre.Leggi tutto

francesco_bonifacio

Pellegrinaggio a sette anni dalla beatificazione

di Mario Ravalico

 

Domenica 4 ottobre, 7° anniversario della beatificazione di don Francesco Bonifacio, il Gruppo Amici di don Francesco promosso dall’Azione Cattolica, ha organizzato un pellegrinaggio sui luoghi in cui il sacerdote svolse il suo ministero: Cittanova e Crassiza. I pellegrini, una quarantina, accompagnati dall’assistente don Antonio Bortuzzo e dai coordinatori del Gruppo, hanno incontrato il parroco di Cittanova don Luka Pranjić donandogli, a nome dell’AC di Trieste, un bel quadro del Beato al quale sarà data una idonea collocazione nel Duomo dove don Francesco celebrò l’Eucarestia. È stata anche l’occasione per approfondire la conoscenza del ministero svolto dei primi due anni, soprattutto con i giovani.

Successivamente il gruppo è andato a Crassiza per la celebrazione della Santa Messa presieduta da don Maurizio Tempo, canonico del Capitolo della Cattedrale di San Giusto e coadiuvato dal parroco di San Nazario, padre Lorenzo Pardi, presente con alcune persone della sua comunità parrocchiale. Alla celebrazione hanno pure partecipato diversi fedeli della parrocchia di Crassiza, ma anche di quella di Buie e di Grisignana. Come sempre l’entusiasmo unito alla commozione e alla gioia di quell’incontro ha dato il giusto tono al pellegrinaggio, con l’augurio di rivederci ancora il prossimo anno.