Via Crucis cittadina

Anche quest’anno il Settore Giovani dell’Azione Cattolica di Trieste organizza, in collaborazione con le altre aggregazioni laicali facenti capo alla Pastorale giovanile, la Via Crucis cittadina, che si svolgerà venerdì 14 aprile a partire dalle ore 21.00 all’inizio di via Capitolina e che si concluderà nella Cattedrale di San Giusto. Sarà presieduta dal Vescovo Crepaldi. Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare.

La Commissione storica italo-slovena

di Raoul Pupo

 

Nellottobre del 1993 vennero costituite dai ministeri degli Esteri dItalia, Slovenia e Croazia due Commissioni miste storico-culturali, una italo-slovena ed una italo-croata. Era la conclusione di uniniziativa politica avviata tre anni prima, nel settembre 1990, quando il consiglio comunale di Trieste aveva votato allunanimità una mozione in cui si chiedeva la costituzione di una Commissione storica italo-jugoslava incaricata di far chiarezza sul problema delle foibe. Nel frattempo, la Jugoslavia era andata a gambe allaria, ma la trattativa non era abortita perché i tre governi avevano tutto linteresse a che la riscoperta delle zone oscure dei reciproci rapporti resa possibile dalla caduta del comunismo non divenisse pretesto per strumentalizzazioni politiche capaci di compromettere le relazioni fra i nuovi vicini.Leggi tutto

Ancora e sempre più Europa

di Silvano Magnelli

 

Quando sessant’anni fa i fondatori dell’Europa unita facevano i primi passi, avevano nei loro sensi ancora l’odore acre del sangue e del fumo delle macerie di una guerra scoppiata in Europa per precise responsabilità di fanatismi nazionalisti e razzisti, una guerra poi dilagata nel mondo. Solo un movimento complessivo di riforma delle relazioni internazionali, civili, politiche, economiche, culturali, religiose tra i popoli e le comunità poteva fare un percorso diverso e farci uscire dall’odio disseminato.Leggi tutto

Lettera di fine triennio

di Stefano Riccardo Camber, Debora Peric, Lisa Buonanno e don Mattia Galej

 

I consiglieri diocesani per l’Acr, alla conclusione del loro periodo di responsabilità, hanno scritto questa Lettera di fine triennio a tutti gli educatori in servizio in diocesi, con cui hanno condiviso tre anni di cammino. A tutti (non solo agli educatori!) buona lettura!

Formazione educatori ACR

Tutti gli educatori ACR di Trieste e i futuri educatori che partecipano alla Scuola educatori sono invitati a partecipare alla giornata di formazione del 2 aprile 2017, intitolata “perDono”: il ritrovo è presso la Parrocchia di Muggia Vecchia alle ore 9.00; il termine è previsto alle 18.00. Le iscrizioni sono da inviare entro il 27 marzo. Il pranzo sarà al sacco, ma si può portare anche qualcosa da condividere con tutti.

Di voto in voto

di Luca Tedeschi

 

L’assemblea diocesana elettiva si è appena celebrata e il nuovo consiglio eletto si è già riunito martedì 14 marzo. Serata tecnica, serata alla ricerca di chi può servire l’associazione più di tutti e più di tutti rappresentarla. Non è un esercizio banale, alle volte può risultare pesante ed anacronistico, ma l’ho sempre trovato estremamente educativo per i più giovani per comprendere il fondamento di questa associazione, che risiede nella democraticità con tutte le sue fatiche e lentezze e, per i più navigati, per non perdere il senso di una chiamata che non risiede nel primeggiare ma nel farsi servi con umiltà, per tutti.Leggi tutto

Ricordi di una bambina di Villa Gardossi

di Ede Dubaz

 

Vorrei ringraziarvi per l’invito e dirvi che sono molto emozionata di essere qui tra di voi.

Ho preparato una paginetta che vi leggerò per potervi raccontare i miei ricordi, quelli di una bambina che ha conosciuto don Francesco e che molto tempo fa ha fatto parte dell’Azione cattolica come voi, e posso dirvi che è stata un’esperienza di vita e di fede felicissima.

Era quasi ottant’anni fa e vivevo a Villa Gardossi (l’attuale Crassiza).Leggi tutto

Celebrata l’Assemblea

di Andrea Dessardo

 

 

Ogni tre anni l’Azione cattolica, unica tra le aggregazioni laicali, si riunisce in assemblea per rinnovare democraticamente le cariche sociali, verificare quanto realizzato e individuare gli obiettivi per gli anni a venire. È un processo che investe tutti i livelli dell’associazione: nei mesi scorsi le diverse associazioni parrocchiali hanno votato i loro responsabili e i delegati all’assemblea diocesana, che si è svolta domenica 12 marzo presso il Seminario di via Besenghi, alla presenza del vescovo mons. Giampaolo Crepaldi, per eleggere il nuovo consiglio diocesano. Il 26 marzo verrà rinnovata la delegazione regionale del Triveneto, mentre alla fine di aprile, insieme al papa, si celebrerà a Roma l’assemblea nazionale, nel centocinquantenario della fondazione della Società della gioventù cattolica italiana, primo nucleo dell’Azione cattolica, diffusa su tutto il territorio nazionale.Leggi tutto

Sciogliere i nodi

di Francesco Crosilla

 

 

Domenica prossima, 19 marzo, alle ore 20.30 verrà a parlare p. Jean Paul Hernandez nella parrocchia dei Santi Pietro e Paolo.
Chi è Jean Paul Hernandez?

Leggi tutto

Il cammino dell’Assemblea sulle orme di papa Francesco

di Luigi Russo

 

 

Credo di non poter tenere separata la mia esperienza di presidente diocesano nel triennio 1989-92, e protrattasi per un breve periodo in quello successivo, dai sei anni di vicepresidente del Settore Adulti che l’hanno preceduta. Questo perché la mia adesione all’Azione cattolica inizia con la mia nomina a vicepresidente del Settore Adulti (con allegato, insieme a mia moglie Renata, di titolare dell’Ufficio Famiglia di Ac, come richiesto dal vescovo). Mi sono così gradualmente inserito nell’Associazione di cui non conoscevo molto, provenendo da un cammino di congregato mariano con i gesuiti e da un’esperienza di pastorale familiare che ha avuto il suo momento forte nella partecipazione a Roma nel 1979 al Convegno nazionale su Evangelizzazione e promozione umana della famiglia.Leggi tutto